Chambave

Giovane violentata, 10 anni marito

Accogliendo la richiesta del pm Luca Ceccanti, il tribunale collegiale di Aosta ha condannato a 10 anni di reclusione un cittadino nigeriano di 31 anni, accusato di violenza sessuale e maltrattamenti ai danni della moglie sua connazionale, all'epoca diciannovenne, per la quale è stato disposto un risarcimento di 10 mila euro. In base alle indagini, dietro la minaccia di denunciarla alla questura e di farla tornare in Nigeria, la costringeva a ripetuti rapporti, anche quotidiani, nonostante lei esprimesse il suo dissenso, in alcuni casi piangendo. Inoltre, sempre in base all'inchiesta, la colpiva con calci e schiaffi e, quando si rifiutava di avere rapporti, le sbatteva anche la testa contro la parete. I fatti risalgono al settembre e all'ottobre del 2016, in due appartamenti di Nus e Verres. "Lei ci aveva detto - ha riferito in aula una poliziotta - che non era d'accordo con le nozze, indotte dalla famiglia. Era arrivata a Roma, in un centro per migranti, ma si era allontanata prima di completare pratica".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie